Pubblicato da Federica il 3 Giugno 2020

Olio di paraffina: cos’è, utilizzi, controindicazioni

Per la cura della pelle sul mercato si trovano molti prodotti naturali, creati in laboratorio, per idratare, curare e rendere la pelle del viso e del corpo più bella possibile. Ovviamente questi prodotti sono studiati per non far avere strane reazioni allergiche una volta applicati i prodotti, se una donna ha la pelle molto sensibile potrebbe aver paura che abbia un effetto indesiderato come rossori e desquamazioni, stessa cosa per chi ha la pelle grassa. L’olio di paraffina non solo è adatto per la pelle, infatti viene aggiunto nelle creme fai da te e anche quelle in laboratorio e si può utilizzare per molte altre cose.

Cos’è?

L’olio di paraffina è un derivato del petrolio, ma una volta studiato, separato dalla sostanza tossica, si è scoperto che può essere molto utile in diversi campi come la medicina e la cosmesi. Una volta separato appare o in forma liquida oppure sotto forma di una sostanza malleabile di colore bianco.

Può essere strano davvero ma è un componente davvero utile, per questo viene aggiunto nella creazione di creme per il viso e per la pelle, anche dal catrame e dal carbone, se viene estratto da questi due elementi allora l’effetto è migliore sulla pelle dato che la moda del momento è quello di utilizzare il carbone attivo sua sulla pelle e sia sui denti.

Se si leggono gli ingredienti con cui è fatta una crema, una maschera per il viso, sarà presente la voce “olio di paraffina”, che è stato prima pulito e purificato appunto per essere applicata sulla pelle.

Utilizzi

Come scritto prima, questo speciale olio è utilizzato molto per i prodotti cosmetici, ma non solo, anche in campo alimentare è possibile utilizzarlo come conservante per le bevande come vini pregiati e anche per i formaggi particolari e che hanno bisogno di un lungo periodo di riposo e di stagionatura per dare il sapore perfetto una volta pronto.

In medicina può essere usato in due modi molto efficaci entrambi:

  • Liquida: soprattutto per i fisioterapisti che aiutano a rilassare il muscolo di una persona prima della terapia e palestra, ha un effetto rilassante e riscaldante sul muscolo una volta assorbito.
  • Pillola: aiuta a regolare l’intestino in caso di stitichezza.

In passato il suo uso era maggiore perché era utile per le lampade ad olio antiche, per avere una fonte di calore in casa o una fonte di luce nella stanza da letto e anche in soggiorno, e anche le antiche lanterne che si trovavano per la strada.

Dato che ora va anche di moda la creazione di candele profumate fatte in casa, e anche per fare un’attività con i bambini, si può utilizzare questo componente per rendere la candela perfetta e stabile. Un altro utilizzo che usano di più i metalmeccanici è usare questo olio per lubrificare i motori e altri componenti per la macchina.

I sarti poi lo usano per ammorbidire il cuoio e la pelle per renderla più morbida durante la lavorazione e nella creazione di borse, scarpe, indumenti e accessori.

Controindicazioni

Bisogna tenere conto che se è in forma liquida o meno, questo olio può scadere e deteriorare sia il cibo e sia i prodotti per la cosmesi, in questo caso è importante liberarsi di questi prodotti al più presto o nuocerebbe l’organismo e la pelle.

Anche l’utilizzo come medicinale, dato che è un potente lassativo, il suo continuo uso può portare a conseguenze più gravi di una semplice diarrea.

Il fatto poi che proviene dal petrolio e catrame non aiuta di certo, molti sono i pareri favorevoli e contrastanti perché la pelle non riesce ad assimilare la paraffina in molti casi, quando ciò non accade bisogna ridurre l’uso dei prodotti, oppure cambiarne con altri. Una cosa però bisogna tenerla in mente: non è causa di cancri o tumori alla pelle.

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *