Edizioni interculturali

Pubblicato da Claudia il 5 giugno 2018

I migliori hosting su cui pubblicare il proprio sito internet

Per pubblicare il proprio sito internet, è necessario rivolgersi a un servizio di hosting, ma qual’è quello giusto a cui rivolgersi? E con quali criteri si possono scegliere?

I migliori hosting

Il sito di Eviblu, un’agenzia che si occupa di Adwords, SEO ed inbound marketing, ha redatto una lista dei quindici migliori hosting, in base alle esperienze dei vari clienti.

Il primo a comparire sulla lista è VHosting Solution, che fornisce vari hosting professionali, a vari prezzi, ed è in grado di fornire varie soluzione tecnologie.

Al secondo posto si trova il Tophost, semplice da usare e con un buon rapporto qualità/prezzo, che possono partire dai 5,99 ai 19,99 euro all’anno. Inoltre, può fornire diverse soluzioni professionali e un’installazione automatica di WordPress.

Il Keliweb, invece, si piazza al terzo posto di questa lista. Nato nel 2009, offre tremila server di capacità ed è in grado di fornire una sorveglianza e controllare gli accessi del sito.

A seguire, in questa lista, si possono trovare, in quest’ordine: Eticoweb, Shellrent, Serverplan, Netsons, Seeweb, Artera, Webhosting, Hosting Solutions, Aruba, Serverweb, Flame Networks e Siteground.

Questa classifica si basa sui commenti, ma è difficile dichiarare quale sia il servizio di hosting migliore, perché dipende anche delle esigenze di chi vuole pubblicare un sito.

Come sceglierli

La vera domanda, dunque, è: come scegliere l’hosting migliore? Prima di tutto, occorre prendersi il tempo necessario per decidere. La fretta non è mai una buona consigliera.

In secondo luogo, bisogna considerare se il sito che si vuole creare per svago o per lavoro. Nel primo caso, ci si può rivolgere anche a degli hosting gratuiti, ma per realizzare un sito professionale, è bene rivolgere a dei servizi di hosting come quelli sopracitati, che possono effettuare diversi controlli. Senza contare che gli hosting gratuiti possono rilasciare dei banner pubblicitari sui siti, e non è l’ideale se si vuole creare un proprio sito di e-commerce o per la propria azienda.

Bisogna considerare anche le risorse dei servizi hosting. Gli hosting che propongono dei servizi illimitati gratis o a pochi euro, lo fanno per raggiungere un numero elevato di clienti, ma è difficile che con tante richieste riescano ad accontentare tutti.

Chi deve realizzare un sito professionale, deve assicurarsi che il servizio di hosting comprenda:

  • assistenza;

  • servizi di backup aggiornati ed altri prodotti già installati;

  • certificati SSL;

  • hardware che comprende un numero massimo di utenti.

Questi servizi, ovviamente, sono tutti a pagamento, ma si possono trovare offerte ragionevoli, che rientrino in un budget massimo di venti o venticinque euro.

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *