Pubblicato da Daniele il 6 Novembre 2015

Titanic, la storia si ripete?

Poche settimane fa è andato in onda sulla Mediaset il film “Titanic” diviso in due emozionanti serate.

Classico del cinema, Titanic ha riscosso una grande approvazione dagli spettatori, dal 1997, anno della nascita del film, portando questa tragedia romantica del cassetto dei ricordi di tutti.

Ricordiamo molto in breve la storia: Jack, artista e ragazzo povero di Southampton vince un biglietto per salire a bordo del più grande transatlantico mai costruito, il Titanic. Sulla nave conosce Rose, ragazza ricca ma chiusa in una gabbia d’oro imposta dall’aristocrazia in cui è cresciuta. I due si innamorano e passano una notte di follia sulla nave. Quella stessa notte il transatlantico colpisce un iceberg che ne causerà l’affondamento. Rose si salverà mentre Jack affonderà per salvare Rose. Tutto è raccontato da una vecchia signora, Rose diventata ormai anziana. Una storia epocale che ha fatto appassionare tutti. Il film si rifà alla reale storia accaduta nel 1912 del RMS Titanic, della compagnia Belstaf, affondato durante il suo primo viaggio inaugurale. Ad interpretare i ruoli di Jack e Rose sono rispettivamente Leonardo Di Caprio e Kate Winslet. Il film ha ottenuto numerosi riconoscimenti.

Voci su Titanic 2

Si è parlato per un po anche di un sequel, Titanic 2, dove il personaggio di Jack, rimasto ipoteticamente ibernato nei profondi del mare, sarebbe in qualche modo “resuscitato” e si sarebbe scontrato con la realtà. La critica di fronte a questa notizia è stata piuttosto cruda, valutando il sequel come una visione del tutto irreale del possibile e che avrebbe tolto onore e dignità al primo film. Scartando questa possibilità, gira su internet in questi giorni un’altra scottante notizia, ovvero che, a quanto dicono alcuni blog, il Titanic rinascerà come nave. Verrà ricostruito e farà tutta la tratta del primo transatlantico. Anche se non ne siamo ancora certi, dubitiamo che semmai veramente venisse ricostruito, le persone avrebbero fiducia della “crociera”. Speriamo solo che la storia non si ripeta.