Pubblicato da il

Brioches siciliane: ecco come si preparano e a cosa accostarle

Tutti gli stranieri che vengono in Italia per fare una vacanza, visitarla e anche per potersi trasferire, oltre ad ammirare tutte le meraviglie che abbiamo, vengono qui per un’altra questione importante: il cibo.

Non è un segreto che in molti ci invidiano la cucina ma anche le belle colazioni dolci che di solito solo noi facciamo.

Non solo latte e cereali, ma anche un semplice cappuccino e cornetto possono fare la differenza e questa di solito è una colazione da bar.

Ma se si è in Sicilia non si può non mangiare la loro brioche siciliana, che è quella a forma di bonbon con un tappo sopra, chiamato tuppo che è davvero deliziosa anche a merenda.

Qual è la ricetta originaria di questa brioche?

Con cosa è meglio abbinarla?

Come si preparano?

Questa brioche siciliana è davvero molto diffusa ma non solo sull’isola.

Per la ricetta classica è indispensabile seguire tutti i punto fondamentali, compresi anche i tempi di lievitazione, se poi si lavora in una pasticceria ancora meglio, gli strumenti come la planetaria possono sempre servire.

Ecco gli ingredienti per circa 12 brioche:

  • 300 gr di farina 00 (o per dolci);
  • 200 gr di farina Manitoba;
  • 3 uova grandi (a temperatura ambiente);
  • 80 gr di zucchero;
  • 80 gr latte intero fresco (a temperatura ambiente);
  • buccia di 2 arance grattugiate;
  • buccia di 1 limone grattugiato;
  • 1 cucchiaio e mezzo di miele d’acacia o millefiori;
  • 180 gr di burro (a temperatura ambiente);
  • 1 cucchiaio di essenza di vaniglia oppure bacca di una stecca di vaniglia, o una bustina di vanillina;
  • 18 gr di rum;
  • 15 gr di lievito di birra fresco;
  • 10 gr di sale.

Procedimento:

In due ciotole diverse separare gli ingredienti in polvere, tranne il lievito, con gli ingredienti liquidi.

Per evitare che escano dei grumi con la farina è meglio setacciarla così risulterà anche più leggera e anche libera, e come scritto su alcuni ingredienti sopra, è meglio se sono a temperatura ambiente.

Se poi si possiede una planetaria è facile che lei lavori l’impasto al posto nostro perché ci vogliono almeno 20 minuti di lavorazione per tutti gli ingredienti che poi vanno messi insieme, e tra cui il lievito alla fine.

Dopo averlo fatto bisogna anche lasciarlo almeno un’ora a lievitare.

Per iniziare, in una ciotola a parte mettere le bucce delle arance e quelle dei limoni grattugiate,  il miele, il rum e la vaniglia.

Girate accuratamente per amalgamare bene gli ingredienti, e sigillate con una pellicola per far amalgamare insieme questi ingredienti per almeno 2 h circa.

Intanto mettere nella planetaria le farine, lo zucchero, il latte e un uovo e iniziare la lavorazione per circa 10 minuti, bisogna controllare l’assorbimento dell’uovo, poi mettere uno per volta gli altri due.

Ricordarsi anche del burro che va inserito a piccoli tocchetti separati con le mani.

Quando l’impasto risulterà appiccicoso avrà bisogno di una lavorazione con una velocità maggiore per almeno 15 minuti, in questo momento aggiungere il composto di essenze, ed il lievito, ovviamente anche quello setacciato, in modo cambierà anche di consistenza e si gonfierà.

Toglierla dal contenitore della planetaria e modellarla un po’ con me mani e metterla in una ciotola pulita, lasciarla da parte a lievitare per circa un’ora, così anche raddoppierà di volume.

Una volta trascorso il tempo modellarla ancora con le mani e poi rimetterla nella ciotola e poi in frigo per circa 9 h (una notte).

Ora si comincia con la creazione delle brioche sicule.

Staccare l’impasto in2 pezzi che devono servire per: 15 g per il tuppo e 80 per la base.

Prendere una teglia con la carta forno, creare le palline e adagiarle con un po’ di distanza tra loro, con il dito creare un un buco che servirà per poter adagiare meglio la pallina che va usata per il tuppo.

Una volta finito l’impasto lasciarle a riposare per circa 1 h e mezza.

Intanto preparare un composto per spennellare sopra e creare ina specie di glassa molto importante per la realizzazione del dolce:

  • 20 g di panna liquida (o anche latte fresco);
  • 1 tuorlo d’uovo.

Amalgamare gli ingredienti fino a che non risulti un composto liquido.

Passato anche il tempo del riposo spennellare con un pennello da cucina con la glassa e mettere in forno le brioche a 180° (forno preriscaldato) e mettere il timer a 25 minuti.

Una volta cotte saranno uguali a quelle del bar.

A cosa accostarle

Anche se sono buonissime da sole, per gustarle meglio, il trucco è separarle a metà in modo orizzontale e metterci dentro 3 palline di gelato o la classica granita siciliana.