Pubblicato da Federica il 3 Agosto 2020

Olanda: cosa vedere a Gouda e come arrivare?

L’Olanda è uno dei paesi più famosi e visitabili per via delle sue città bellissime come Amsterdam, famosa per i palazzi storti e perché ci abitava Anna Frank, e per via anche dei suoi bellissimi campi di tulipani.

Ampi spazi solo per coltivare questi fiori e anche per poter far visitare ai turisti i mulini a vento.

L’Olanda inoltre è piena di tradizioni e di cibi particolari, uno di questi è un formaggio che prende il nome dalla città in cui viene prodotto, infatti si chiama Gouda.

Questa particolare città ha anche molte altre attrazioni sia per i turisti che per gli abitanti, se si è interessati a visitarla (ovviamente dopo l’allerta Covid) ecco come arrivarci.

Cosa vedere a Gouda?

Gouda si trova nell’Olanda occidentale nella provincia di  Zuid-Holland.

È una graziosa città di cui le case e i palazzi hanno la stessa architettura di molte città olandesi come Amsterdam, per muoversi è bellissimo andare in bicicletta così da ammirare tutto il paesaggio circostante e anche attraversare i vari ponti che sono presenti nella città.

Ma cosa c’è di interessante da vedere in questo posto?

Ovviamente le fabbriche e le fabbriche, che si trovano fuori città, in cui viene prodotto il famoso Gouda, vedere i pascoli di mucche, anche per questo le aziende si trovano fuori città, e vedere poi tutto il processo di produzione in modo veloce, alla fine c’è sempre un’area ristoro dov’è possibile comprare sia pezzi di formaggio da mangiare subito oppure gadget e souvenir.

La Piazza di Markt è situata nel centro storico della città e permette di iniziare il giro turistico e vedere palazzi importanti come la Chiesa di San Giovanni e altri edifici come lo Stadhuisil, il municipio antico della città e anche molto suggestivo.

Essi sono accessibili al pubblico e visitabili in qualsiasi ora del giorno, inoltre il centro storico è pieno di ristoranti e caffè locali in cui è possibile assaggiare con mosti e marmellate qualsiasi tipologia di formaggio olandese e altri prodotti tipici.

Sempre nel centro del paese è presente anche il Molen De Roode Leeuw, un mulino ad aria che ancora fa girare le pale ma senza produrre la farina, è possibile entrarci per vedere dall’interno come funziona, esso è stato ristrutturato molte volte perché oltre a essere bellissimo è anche uno dei più antichi, fu costruito nel 1727.

Data la fama nel produrre formaggi, è presente anche il mercato ogni giovedì mattina in Piazza Markt un mercato di formaggi, è un’esperienza davvero fantastica incontrare di persona i produttori e vedere in che forma si può trovare questo formaggio, oltre a essere rotondo, il Gouda può variare dall’essere grande 50 cm fino a un metro.

Se si desidera visitare i luoghi di culto la Chiesa di San Giovanni è la più bella e più importante di tutto il paese,  fu costruita nel XV secolo ed è caratterizzato dalle bellissime vetrate, la struttura lunga e la presenza di colonne e archi di sostegno fatte di pietra.

Una decorazione che lascia senza parole chiunque la veda è una vetrata che raffigura il battesimo di Gesù da Giovanni Battista, infatti la chiesa è dedicata a lui, e anche il cenacolo con Gesù e gli apostoli.

Una seconda chiesa più gotica e costruita solo nel 1904 si chiama Gouwekerk, essa ha la forma a croce ed ha una torre accessibile al pubblico per essere visitata e vedere dalla cima tutti gli edifici, i tetti e tutti i canali presenti in città.

Molti sono infatti i canali che serpeggiano tra le vie e i ponti uniscono le vie separate, a piedi o in bicicletta è possibile seguire il percorso e ammirare anche i vari palazzi.

Come arrivare?

Se ci troviamo ad Amsterdam, e vogliamo visitare Gouda, è possibile raggiungerlo grazie a vari mezzi come il treno, le due stazioni sono distanti circa 76 km che equivalgono a 45 minuti di viaggio e il costo del biglietto può variare dai 15 fino ai 25 €.

Con l’auto il tempo è di circa 50 minuti sempre a partire da Amsterdm, bisogna seguire i cartelli stradali in autostrada, è meglio prendere come riferimento le seguenti: A1, A2, A4, N207 e A12.